L'AZIENDA DELLA SALUTE FONDATA DAL DOTT. RATH È DAVVERO UNICA NEL SUO GENERE:
INVESTE TUTTI I SUOI UTILI IN UNA FONDAZIONE DI PUBBLICA UTILITÀ. Più…

Dr. Rath Health Foundation

Dr. Rath Health Foundation

 

I micronutrienti supportano il metabolismo degli zuccheri nel sangue

Secondo uno studio recente pubblicato sulla rivista medica The Lancet, negli ultimi 35 anni il numero delle persone a cui è stato diagnosticato il diabete è cresciuto quattro volte tanto¹. Nel 1980 le persone con questa diagnosi erano 108 milioni e nel 2014 ben 422 milioni. Considerando i dati statistici allarmanti, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha scelto il diabete come tema per la Giornata Mondiale della Salute 2016, così da accrescere la consapevolezza su questo tema e sull’importanza della prevenzione.

Il numero di persone che soffrono di diabete sta aumentando rapidamente. Gli studi effettuati presso il Dr.Rath Research Institute dimostrano che i micronutrienti aiutano a prevenire e migliorare questa malattia metabolica.

Il diabete è aumentato a livello globale, in modo esponenziale nei paesi in via di sviluppo. Questa crescita è correlata all’adozione di uno stile di vita sedentario e sbagliate abitudini alimentari, come frequenti spuntini contenenti elevati quantitativi di zuccheri artificiali che possono indurre ad obesità e altri disordini. La sindrome metabolica è definita come l’insieme di fattori quali eccesso di peso, pressione alta, colesterolo elevato e metabolismo degli zuccheri alterato.

L’obesità è uno dei fattori di rischio più importanti riguardanti lo sviluppo del diabete. Una dieta sana è fondamentale per sostenere il metabolismo degli zuccheri nel sangue; la nostra ricerca ha dimostrato che un supplemento di micronutrienti appropriato è altrettanto importante e può limitare lo sviluppo della sindrome metabolica.

Il fruttosio è uno zucchero presente in abbondanza nel cibo confezionato. Abbiamo comparato l’effetto di una miscela di micronutrienti specifica con quello della metformina (farmaco antidiabetico molto diffuso) su topi giovani sottoposti ad una dieta ad alta densità di fruttosio². Dopo sette settimane i topi che hanno ricevuto la miscela di micronutrienti hanno riscontrato una diminuzione nella concentrazione fruttosamina sierica del 4%, mentre il gruppo che ha ricevuto la metformina un aumento del 15%. La concentrazione di fruttosamina sierica indica il livello del glucosio nel sangue sulla prima settimana fino alla seconda. Inoltre, nel gruppo dei topi a cui è stata somministrata la metformina, i livelli di insulina sono diminuiti poiché l’integrazione di micronutrienti ha ripristinato i livelli di insulina normali. Il supplemento di micronutrienti ha dimostrato anche altri benefici come la riduzione della pressione sanguigna, del colesterolo totale, contrastando gli effetti della fruttosamina alta e in questo modo anche l’insorgere di malattie cardiovascolari.

L’alto livello di glucosio nel sangue nei pazienti diabetici può portare a serie complicazioni, come arteriosclerosi, infarti, disfunzioni renali, neuropatie, lenta cicatrizzazione delle ferite, cataratte e disabilità a lungo termine. Queste malattie sono gravi e devastanti per la qualità della vita del paziente.

La medicina tradizionale si concentra sull’uso di farmaci che riducono i livelli di zuccheri nel sangue, non sulle cause del problema in continua crescita. Il diabete è un mercato redditizio per le aziende farmaceutiche poiché produce complicanze che richiedono ulteriori trattamenti. In una recente pubblicazione sul British Medical Journal, per esempio, i ricercatori hanno riscontrato una correlazione significativa tra un medicinale per diabetici e la crescente incidenza di cancro alla vescica³.

La maggior parte dei pazienti affetti da disabilità collegate al diabete hanno tra i 15 e 69 anni, un peso finanziario enorme per la società in termini di spese mediche e giorni lavorativi perduti. Secondo uno studio pubblicato sul The Lancet, il costo annuale della sanità per gestire il problema del diabete è stimato attorno ai $ 825 miliardi; Cina, Stati Uniti e India sono in vetta a questa classifica.

Considerando questo scenario i nostri studi danno una speranza affinché la prevenzione e il controllo degli zuccheri nel sangue siano possibili, evitando gli effetti collaterali devastanti dei farmaci.

Ref:
1. Worldwide trends in diabetes since 1980: a pooled analysis of 751 population-based studies with 4.4 million participants, The Lancet, Vol 387, No. 10027, p1513–1530, 9 April 2016
2. J. Cha, et al., Molecular Medicine Reports, 2011, DOI: 10.3892/mmr.2011.562
3. M. Tuccori, BMJ, 2016 i1541