L'AZIENDA DELLA SALUTE FONDATA DAL DOTT. RATH È DAVVERO UNICA NEL SUO GENERE:
INVESTE TUTTI I SUOI UTILI IN UNA FONDAZIONE DI PUBBLICA UTILITÀ. Più…

Dr. Rath Health Foundation

Dr. Rath Health Foundation

 

I micronutrienti supportano il funzionamento del muscolo cardiaco

Circa il 30-40 % del peso corporeo è costituito dal peso dei muscoli. Nel nostro corpo ne esistono di tre tipi: muscoli scheletrici, lisci e cardiaci. Ognuno di essi ha la propria struttura e funzione.

Il cuore è l’unico muscolo che è costantemente in movimento. Per il suo funzionamento ottimale, deve essere rifornito regolarmente con micronutrienti essenziali.

I muscoli scheletrici sono i più numerosi. Collegati direttamente allo scheletro, aiutano il movimento delle ossa. Sono conosciuti anche come muscoli striati o volontari perché il movimento dello scheletro può essere controllato volontariamente. Ogni muscolo scheletrico è supportato da un nervo specifico per la coordinazione volontaria del movimento. Solitamente utilizziamo diversi muscoli per compiere un’attività qualsiasi.

I muscoli lisci sono presenti all’interno degli organi cavi come lo stomaco, l’intestino e i vasi sanguigni. La loro funzione principale è quella di trasferire sostanze all’interno degli organi. I muscoli lisci sono anche conosciuti come non striati o muscoli involontari, in quanto si muovono grazie al sistema nervoso autonomo e non sono sotto il nostro controllo volontario.

I muscoli cardiaci sono quelli del cuore, come suggerisce appunto il loro nome. Sono muscoli speciali e per la loro struttura sono simili ai muscoli scheletrici (striati). Tuttavia, dal punto di vista funzionale assomigliano ai muscoli lisci, data/considerando la loro natura involontaria. Sono presenti solo nel cuore e sono responsabili per il pompaggio del sangue. Un’altra caratteristica peculiare del muscolo cardiaco è il ritmo di contrazione e di rilassamento, controllato da un “pacemaker naturale” presente all’interno del cuore (nodo senoatriale), composto anch’esso da tessuto muscolare cardiaco. Grazie a questa proprietà il ritmo del cuore si regola autonomamente in base al sistema di conduzione cardiaco.

A differenza di quelli scheletrici e lisci, i muscoli cardiaci sono gli unici che lavorano ad un ritmo costante durante l’arco della nostra vita. Il cuore umano pompa circa 5 litri di sangue al minuto in tutto il corpo. Pertanto non è sorprendente che i muscoli cardiaci abbiano bisogno di un rifornimento regolare di nutrienti per lavorare in modo continuo e ottimale. Quando il corpo presenta una carenza cronica di micronutrienti, gli effetti si manifestano sotto forma di varie malattie, come cardiomiopatia, malattie delle valvole cardiache, battito irregolare (aritmia) e arresto cardiaco. La cardiomiopatia è una malattia che interessa l’infiammazione del muscolo cardiaco, che si ingrossa e si irrigidisce perdendo elasticità. Questo comporta una diminuzione nella fornitura di sangue a tutti gli organi del corpo e a conseguenze inevitabili.

La nostra ricerca ha dimostrato che la maggior parte delle malattie cardiovascolari sono causate dalla carenza cronica di alcuni nutrienti e che possono essere prevenute grazie ad un’integrazione adeguata. Precisamente, le vitamine del gruppo B, carnitina, taurina e coenzima Q10 sono i micronutrienti fondamentali per supportare il metabolismo e produrre bioenergia per il funzionamento ottimale del muscolo cardiaco. Tuttavia queste sostanze hanno bisogno del supporto di altri micronutrienti, lavorando in sinergia tra loro per incrementarne l’effetto. Abbiamo visto che la sinergia può avvenire combinando i nutrienti con vitamina C, acidi alfa-lipoici, alfa-chetoglutarato e altre sostanze. I nostri studi clinici concludono che una combinazione specifica di micronutrienti supporti la funzionalità delle cellule cardiache e fornisca un supporto ottimale e la produzione di bioenergia nel muscolo cardiaco.